24 gennaio 2019

I piedi dei bambini si limitano a permettere due sole funzioni motorie: in primis gattonare, e successivamente camminare e correre.

 

👎FALSO

 

Il piede è una struttura molto complessa composta da 26 ossa, 33 articolazioni, più di un centinaio di muscoli, tendini e legamenti, e migliaia di terminazioni nervose sensoriali. Funge da supporto quando siamo fermi in piedi, consente un movimento dinamico quando ci muoviamo. Allo stesso tempo il piede compie un’altra importante funzione: quella propriocettiva. La capacità propriocettiva è quella che ci consente di percepire e riconoscere la posizione del nostro corpo nello spazio anche senza il supporto della vista.  
Il piede è l’organo propriocettivo più sviluppato, tanto che manda più informazioni al nostro cervello di quante ne invii la mano.
Le parti del corpo che i bambini piccoli usano di più per mettersi in contatto con il mondo esterno sono la bocca e, soprattutto, i piedini, tanto che i genitori stessi si accorgono effettivamente che provano un grande piacere nel farseli accarezzare.

Le prime scarpine diventano necessarie quando il piedino ha bisogno di essere protetto da possibili eventi dannosi come traumi o situazioni meteorologiche avverse.

 

👍VERO

 

Nei primi mesi i piedi sono a tutti gli effetti organi di senso con cui il neonato raccoglie informazioni tattili; per questo bisognerebbe lasciarli il più possibile scalzi. Anche quando il bambino si cimenta con i suoi primissimi passi, sarebbe opportuno lo facesse a piedi nudi, ma solo quando è in casa. Dopo questo necessario apprendistato in casa con l’aiuto di mamma e papà il bimbo avrà acquisito una certa stabilità.  
Ora è pronto per esplorare il mondo esterno e avrà bisogno delle prime scarpine, di ottima qualità, per facilitare una corretta deambulazione e per proteggere i piedini.

Il girello è uno strumento molto utile per favorire i primi passi in casa e insegnare al bambino a camminare in maniera spedita.

 

👎FALSO

 

L’uso del girello ostacola il corretto sviluppo psicomotorio del bambinoimpone al bambino movimenti innaturali e contrari al corretto sviluppo di ossa e articolazioni: la seduta del girello non consente il movimento dell’articolazione dell’anca e costringe il bambino in una posizione scorretta..

L’utilizzo di scarpe troppo strette è responsabile della formazione di unghie incarnite.

 

👍VERO

 

Le unghie delle dita dei piedi sono spinte in maniera forzata all’interno della cute dall’utilizzo di scarpe strette.
Le piccole ferite causate dalla penetrazione dell’unghia nella pelle favoriscono l’ingresso di batteri con conseguente infezione.
Se l’unghia incarnita penetra in profondità provoca inoltre una sintomatologia dolorosa molto intensa..

Se i bambini quando iniziano a camminare girano in modo evidente i piedini verso l’interno, bisogna prenotare immediatamente una visita ortopedica pediatrica.

 

👎FALSO

 

È del tutto normale che all’inizio i bambini abbiano un’andatura incerta e non perfettamente rettilinea e che appoggino i piedini rivolti verso l’esterno, ma soprattutto all’interno.
Questa tendenza raramente interferisce con la marcia e tende a scomparire con la crescita.
Qualche volta questo modo di camminare viene erroneamente corrette con l’utilizzo di pesanti calzature a biscotto (ambidestre).
In questi casi dovranno essere utilizzate scarpine normali di buona qualità morbide e flessibili, con supporto posteriore alla caviglia.
Uno specialista dovrà essere consultato se questo atteggiamento è così marcato da provocare inciampo frequente durante la normale deambulazione o se persiste in modo evidente dopo i 3 anni..

Se un bambino zoppica e dice di avere dolore senza una causa apparente è necessario farlo visitare dal suo pediatra.

 

👍VERO

 

Se un bambino zoppica e ha dolore e non sono note cause evidenti tipo una caduta, un altro trauma o la presenza di una scheggia o spina, è necessario richiedere una visita pediatrica. Lo specialista cercherà di individuare la causa della zoppia che potrebbe essere una sinovite transitoria benigna, un’infezione, un’artrite o un’altra patologia che richiede un approfondimento diagnostico e una terapia..